Castorina Fabrizio






















Scopre la sua passione per la fotografia all’età di circa 7 anni, quando mandato alle colonie estive della FIAT nella val di Susa, s’innamora degli splendidi paesaggi e li fotografa con una vecchia fotocamera “BROWIE” ad ottica fissa e mirino a pozzetto.

Con il passare del tempo si attrezza in camera oscura per il B e N, e negli anni ’70, inizia a produrre immagini caratteristiche della sua amata Trieste, su supporti telati e di alluminio.
Riprende il suo cammino negli anni ’90, quando inizia la sua collaborazione con diverse testate della New Sounds Multimedia, che si estende per oltre 5 anni sino alla conclusione della società stessa.
In quel periodo conosce le enormi potenzialità delle tecniche di fotoritocco ed elaborazione digitali, e si impegna da autodidatta alla conoscenza di questa stupenda tecnica, un mezzo notevole, forse unico,che permette di manipolare la qualche volta triste realtà del quotidiano.
Artista molto sensibile, scopre nell’elaborazione digitale un valido strumento per dare sfogo alla sua creatività e fantasia.
Egli trae ispirazione nella composizione delle sue opere dalla musica new age di cui è profondamente innamorato.
La sua ricerca creativa passa talvolta dalle inquietudini esistenziali ai mali che affliggono il mondo, mantenendo al contempo inalterata la gioia del vivere

Nell’ottobre del 1997 espone per la prima volta a Trieste, nell’antico caffè S.Marco, una serie di immagini elaborate digitalmente,che riguardano la città stessa.
“Un po’ di Trieste a modo mio”, questo il titolo della mostra che peraltro consegue un discreto successo nell’ambito cittadino.

Partecipa allo stesso tempo a qualche concorso nell’intenzione di recuperare il precedente periodo di inattività, e qualche riconoscimento arriva da Fotografia Reflex, dal concorso oramai nazionale “Trieste nel blu”, e nel 1999 anche dalla rivista “Il mio Computer”.

Nel settembre 1999 espone in una collettiva nell’ambito del primo festival nazionale di musica new age nella suggestiva cornice del castello di S. Giusto, cui partecipa anche come fotografo dell’importante manifestazione, lodata da critica e pubblico.
In dicembre si cimenta in un’altra personale dal titolo “Tra le pieghe dell’anima”.
Una sorta di percorso interiore e di tappe importanti che hanno segnato la vita dell’autore, il tutto naturalmente traendo ispirazione dalla sua musica preferita.

Nel frattempo rientra come socio nel giro della FIAF (Federazione Italiana Associazioni Fotografiche).
Partecipa a diversi concorsi Nazionali ottenendo diversi premi e riconoscimenti.
Da ultimo, ma non per questo meno importante, si qualifica come premiato ed esposto nel concorso Internazionale con patrocinio Agfa in occasione del millenario della città di Gorizia.

Nel 2001 espone a Trieste al Circolo Fotografico Triestino, una sua dal titolo”Ritratto femminile modellato”.
Mostra digitale sul ritratto femminile .
Tale mostra prenderà il via nel 2002 come itinerante nel circuito delle mostre FIAF.

Nel 2002 inizia a collaborare con una Web agency romana “ Consulendo New Media Agency”, come fotografo, art director e creativo.
Lavora nel settore della Pubblica Ammistrazione
E nel settore cinematografico.
Collabora con la Consulendo New Media Agency, sul set della fiction RAI “Orgoglio”, per la Photo Art.

Suoi portfoli sono stati pubblicati su “Grafica e digital foto” , “Computer arts”, Photo Pc, “Fotocomputer” e non da ultimo su “Fotoit” il mensile ufficiale della Federazione.

Inoltre è sua la copertina del calendario 2005, sponsorizzato dalla OLYMPUS.

Ha esposto nei più importanti circoli fotografici Italiani.
Pescara, Adria, Torino, Merano, Milano,Vercelli, Frosinone, Grosseto, Manfredonia, Bologna, ecc.....e anche in collettiva nella prestigiosa Reggia di Caserta.

Oltre che a Trieste, a Venezia, al prestigioso “Bistrot de Venise” luogo di arte e cultura.

Attualmente, la sua ultima personale intitolata “Evanescenze”, è stata ancora inserita nel circuito mostre fiaf, e stà girando l’Italia in varie tappe.

Varca i confini nazionali, ed espone in Argentina e Svizzera.

Nel luglio del 2006, vince il primo premio assoluto, e un prestigioso trofeo,in un concorso di moda, dove l’immagine viene abbinata allo stile, a Dubai (Emirati Arabi), nell’unico albergo a sette stelle esistente al mondo, luogo dove si svolge la premiazione.

Nell’ottobre del 2007 diventa segretario provinciale UIF