Contarello Luisa






















Luisa Contarello

Du cote' de chez Magritte

La calligrafia in Oriente e' intimamente legata alla pittura, ne e' anzi il fondamento. Calligrafia come arte, arte che si acquisisce dopo un lungo periodo di apprendimento e una pratica continua e costante.

In Oriente un buon pittore e' prima di tutto un buon calligrafo, dal momento che l'apprendimento delle due discipline avviene parallelamente: entrambe infatti sono accomunate dai medesimi materiali e si eseguono con tecniche simili.

Come la pittura, l'arte dello SHODÔ, la scrittura, richiede la padronanza del tratto, l'immediatezza del gesto, la continuità del ritmo, il controllo della forza sul pennello e non tollera ritocchi o correzioni...

In Occidente, Luisa Contarello, poetessa della fotografia, nel suo ultimo lavoro sposa le due discipline orientali, le assorbe, le fa sue... e crea immagini magiche che squarciano la tela ed escono fuori e con i colori delicati della pittura cinese e con i grafemi degli ideogrammi.

La sua performance si snoda su un percorso di quindici immagini di grande formato realizzate in camera chiara. Le sue poetiche pitture fotografiche si inseriscono nell'ambiente espositivo divenendo al tempo stesso opera d'arte e oggetto d'arredamento.